Si inizia dal canalone che porta alla Forcella Vallon (tracce con bolli rossi). Lungo questa via si scorgono diverse costruzioni e trincee rimaste dalla Grande Guerra sulle Dolomiti. -© Copyright 2018 by Salvatore e Paola. Nel dettaglio, segnavia sentiero CAI 666 (Alta via delle Dolomiti n°2) – bivio traccia di sentiero non segnato… Amen. ( Chiudi sessione /  30 minuti (con ascensione alla cima Tofana di Mezzo) Tempo per la ferrata: ca. Grazie Gino per averci fatto scoprire questo stupendo itinerario che non dimenticheremo per la sua bellezza e semplicità proprio come l’amicizia nata da poco e la passione che ci accomuna e anche se noi siamo un po’ più  lenti amiamo le Cime e gli itinerari fuori dalle rotte commerciali… insomma spiriti liberi!! Scegliamo la via di mezzo, quella tosta, partendo poco dopo le 6 dal parcheggio del Rifugio Dibona. L’escursione è abbastanza impegnativa, in soli 6 km di andata si ha un guadagno di quota di ben 1000 mt e specie l’ultimo tratto di sentiero è molto ripido. Punti di appoggio: vari rifugi della Zona L’ultimo sforzo, una breve arrampicata per facile roccette  e alle 11.50 tocchiamo la cima della Tofana di Mezzo… che grandissima soddisfazione arrivare alla croce sulla sommità! Lungo il percorso che collega Pié Tofana al Col Drusciè, sono stati collocati 12 tabelloni 70×100 cm, con foto dei vari pianeti e del Sole, tutti sistemati ad una distanza che, in scala 1/10 miliardi, rispecchia la loro reale dimensione e posizione nel cielo. Termina così  questo meraviglioso giro della Tofana, potremmo chiamarlo “Anello della Tofana di Mezzo”. Nota: nella compilazione degli itinerari che vi raccontiamo teniamo sempre conto delle difficoltà obbiettive (da non confondersi con i pericoli soggettivi / oggettivi) e non di quelle soggettive, cerchiamo comunque di riportare quelle usate ufficialmente, cioè da fonti ufficiali, quali il CAI/SAT o Guide Alpine, libri specializzati di montagna e escursioni. Sal e Paola e Gino da Vià DOMENICA 28 LUGLIO ITINERARIO A: dal Rif. Modifica ), Mandami una notifica per nuovi articoli via e-mail. Ci sono diverse possibilità per raggiungere la Tofana di Mezzo, la prima facile con la Freccia del Cielo (la Funivia che sale dal centro di Cortina), la seconda più difficile per la Ferrata di Punta Anna (tralasciamo le vie di arrampicata, riservate agli alpinisti), la terza solo tosta con partenza dal Rifugio Dibona per Forcella Vallon, cengia e percorso attrezzato nel tratto finale . Come in … Da qui, in circa 15-20 minuti, si raggiunge comodamente il Rifugio Ra Valles e l’omonima stazione della funivia. Quasi in cima alla Tofana si può trovare anche ghiaccio, quindi per prima cosa sarebbe bene avere l’attrezzatura adeguata (scarponi e ramponi) ed il saperla usare. Difficoltà: 2 Valutazione complessiva: 2 Tipologia del percorso 35% cavo d’acciaio, 65% sentiero e sentiero esposto Tempo complessivo: ca. Premessa: raggiungiamo in camper Tai di Cadore e la frazione di Nebbiù alle ore 23 del 3 agosto 2018 a casa dell’amico Gino da Vià e passiamo qui la notte. I panorami verso 5 Torri, Tofana di Rozes, Cortina d'Ampezzo, ecc., Sono spettacolari. Alla verticale parete Sud di questo enorme e straordinario monolite, si oppone infatti un versante con pendii più moderati sui quali si snoda il sentiero della via normale alla cima della Tofana. Passando vicino al Bus de Tofana si raggiunge la Ferrata Tofana di Mezzo / Tofana de Meso che raggiunge la cima a 3244 metri, il punto più alto del nostro giro. During Summer, a refreshment point will be open and many different events will be organised, offering for example to visitors the opportunity of admiring sunrises and sunsets over the main Dolomites tops, which dominate the Ampezzo Valley, from a privileged position. Quasi in cima alla Tofana si può trovare anche ghiaccio, quindi per prima cosa sarebbe bene avere l’attrezzatura adeguata (scarponi e ramponi) ed il saperla usare. La via è certo di soddisfazione per la linea e le difficoltà da superare, non brilla invece per qualità della roccia (buona, … Purtroppo, specialmente le seggiovie, aprono solitamente non prima della prima settimana di luglio. Tofana di Mezzo: percorso alpinistico di media difficoltà. Durata discesa: Si consiglia di usare la funivia. Ruta Tofana di Mezzo por sentiero Astaldi-ferrata punta Anna de via ferrata en Pocol, Veneto (Italia). Dibona 2037 m.s.l.m Rif.Ra valles 2470 Ci sono diverse possibilità per raggiungere la Tofana di Mezzo, la prima facile con la Freccia del Cielo (la Funivia che sale dal centro di Cortina), la seconda più difficile per la Ferrata di Punta Anna (tralasciamo le vie di arrampicata, riservate agli alpinisti), la terza solo tosta con partenza dal Rifugio Dibona per Forcella Vallon, cengia e percorso attrezzato nel tratto finale . – (E.E.A) Itinerario che conduce l’alpinista su pareti rocciose o su creste e cenge, preventivamente attrezzate con funi e/o scale senza le quali il procedere costituirebbe una vera e propria arrampicata. Partecipanti: Gino, Paola, Salvatore Sentiero Storico Raggiunta la stazione a monte (3190 m) dobbiamo intraprendere il largo sentiero che ci conduce in cima alla Tofana di Mezzo. Non era una mattina come le altre era un giorno speciale, perché non dovevamo andare a fare un qualsiasi rifugio, dovevamo andare a conquistare una cima, quella della Tofana di Rozes. Sentiero Escursionistico Continuando la salita sul sentiero 403, il panorama davanti a noi, si fa sempre più arido e roccioso e il Vallon di Tofana si restringe gradualmente, facendoci salire a zig-zag al cospetto della Tofana di Rozes da un lato e della Punta Anna, dall’altro. Tofana di Dentro: percorso alpinistico di media difficoltà. Dalla cima scendiamo per sentiero e per tracce, il percorso non è stato proprio agevole, fino al Rifugio Giussani a metri 2580 di quota, che raggiungiamo dopo un’ora e mezza circa. Das Rifugio Cima Tofana liegt auf 3191 m am höchsten Gipfel der Tofane-Berggruppe in den Ampezzaner Dolomiten und ist gleichzeitig Bergstation der Bergbahn auf den Gipfel der Tofana di Mezzo (3244 m). Poco prima della teleferica, che lasciamo alla nostra destra, si abbandona la stradina per imboccare il sentiero 442, seguendo le indicazioni per la Grotta di Tofana e via ferrata Lipella. Ore 3.00 circa. L'articolo non è stato pubblicato, controlla gli indirizzi e-mail! Questa via ferrata si snoda prevalentemente sulla cresta della montagna e regala una vista mozzafiato durante tutto il percorso, sia verso Cortina e sia verso le 5 Torri. Modifica ), Stai commentando usando il tuo account Twitter. Area: Dolomiti, Gruppo: Tofane, Cima: Tofana di Mezzo, Stato: Italia. ZOOM ++ Il Sentiero Olivieri è un facile percorso attrezzato che permette il collegamento tra il Rifugio Pomedes (2303 m) ed il rifugio Ra Valles (2470 m). è classificato E – itinerario escursionistico privo di difficoltà tecniche). Facile – F = tracciato molto protetto, ben segnato, poco esposto e dove le strutture metalliche si limitano al solo cavo e/o catena fissati unicamente per migliorare la sicurezza, ma che potrebbero essere evitati (o non usati) se percorsi da alpinisti esperti. Dopo un altro trio di birrette eccoci di nuovo in cengia sul sentiero attrezzato Astaldi, con le sue rocce di color rosso, verde e giallo ocra. Nessun commento per l'itinerario Sentiero Olivieri. Termina così  questo meraviglioso giro della Tofana, potremmo chiamarlo “Anello della Tofana di Mezzo”. 1,5 ore Dopo il bus de Tofana diventa molto più facile. Vario ed a tratti molto esposto il sentiero di ritorno. A differenza dei “Sentieri ferrati”, le “Vie ferrate” si sviluppano invece su pareti verticali, più o meno esposte. Cima Pisciadù, dati riassuntivi dell’escursione: Punto di partenza: Parcheggio in prossimità dell'11° tornate del Passo Gardena salendo da Colfosco (1956 m) Punto di arrivo: Uguale al punto di partenza. Lungo il sentiero n. 407 a Piè Tofana. A luglio io e il boss abbiamo lasciato un conto in sospeso, un conto con Cima Formenton, che ci ha respinti con una parete che non ci aspettavamo. Partiendo del Refugio Dibona recorremos el sentiero Astaldi por no hacer el mismo trayecto que haremos a la bajada. – (T) o turistico, Itinerario di ambito locale su carrarecce, mulattiere o evidenti sentieri. profilo altimetrico traccia Dal passo si scende per un paio di chilometri verso Cortina arrivando a Ra Noria dove si parcheggia. Con la prima seggiovia raggiungere il Rifugio Duca d’Aosta e proseguire con la seconda fino al Rifugio Pomedes. Cima: Tofana di Mezzo 3244 m.s.l.m Poco difficile – PD = tracciato più articolato con canali e camini, con passaggi verticali e a tratti esposto; normalmente attrezzato con cavo o catena, con pioli e/o scale metalliche fisse. Come in altri casi, vedi ad esempio il “Sentiero ferrato Ivano Dibona”, il termine “sentiero” vuole appunto evidenziare il fatto che il percorso si svolge prevalentemente su cenge e terrazzi rocciosi, con saltuari sbalzi verticali. Cartina: 03 Cortina D’Ampezzo e Dolomiti Ampezzane Come ultima variante, infine, dal Doss de Tofana si può proseguire per la vetta della Tofana di Mezzo con la ferrata Gianni Aglio. Qui una scritta su di un masso indica la deviazione per la "Grotta della Tofana". In auto da Cortina, avviarsi lungo la Strada Statale 48 delle Dolomiti in direzione del Passo Falzarego. 🔸Alla verticale parete Sud di questo enorme e straordinario monolite, si oppone infatti un versante con pendii più moderati sui quali si snoda il sentiero della via normale alla cima della Tofana. 1° Discesa per il ghiaione del Bus de Tofana: raggiunto il sentiero 403 si scende fino al Rif. il Blog di Montagna, Rifugi, Casere e Bivacchi, Tracce e Sentieri, Borghi, Città, Laghi. Freccia nel Cielo (Col Druscié station - Ra Valles station - Cima Tofana station) - Tofana di Mezzo 2. Dopo le foto di rito noi scendiamo al rifugio sottostante dove ammiriamo il panorama dal terrazzo e ci scoliamo tre birre (una a testa) prima di prendere la funivia e scendere a Ra Valles, per poi risalire per un bel pezzetto fino all’imbocco del sentiero attrezzato Olivieri, nulla di difficile tranne alcune scale, percorrerlo e arrivare al Rifugio Pomedes con un’altra terrazza panoramica sulle Dolomiti e l’Ampezzano. Quando mi riprendo, con grandi inspiri e forza di volontà perché non voglio mollare, raggiungo Paola a metà del ghiaione e insieme raggiungiamo Forcella Vallon dove Gino è già arrivato da una buona mezz’ora, ma lui è un camoscio…. Fino a qui circa 30 minuti. Da qui proseguiamo in cengia, bellissima, esigua e a strapiombo sulla Val Travenanzes  dove le vertigini di Paola vengono messe alla prova, ma questa volta ce la fa abbastanza tranquillamente. Percorso Tofana di Mezzo por sentiero Astaldi-ferrata punta Anna di Via Ferrata in Pocol, Veneto (Italia). Tofana di Rozes: percorso alpinistico di media difficoltà. Scegliamo la via di mezzo, quella tosta, partendo poco dopo le 6 dal parcheggio del Rifugio Dibona. Via normale: la via di salita più frequentata per raggiungere la cima della montagna, la più isolata delle tre, che consta di un faticoso sentiero lungo i detritici pendii settentrionali che può presentare qualche difficoltà in caso il tratto di cresta sommitale sia innevato; sale dalla pietraia del Masarè dove ora sorge il rifugio Camillo Giussani, salibile in 2,30 h di difficoltà EE. Ci dispiace, il tuo blog non consente di condividere articoli tramite e-mail. Dall’ampia un’ampia terrazza si può ammirare un fantastico panorama a 360° sulle Dolomiti. Al termine del sentiero Astaldi una breve sosta sul prato, ammirando da lontano il ghiaione di salita che ci appare… bello e poi bello. Molto difficile – MD = tracciato su rocce molto ripide ed estremamente articolate, ma senza validi appoggi che richiede anche il superamento di tratti strapiombanti; attrezzato con funi metalliche e/o catene; solo occasionalmente con gradini artificiali che richiedono in ogni caso una notevole forza fisica. Ci siamo. Traccia GPS per Ferrata Olivieri a Punta Anna. In centro foto, la cengia iniziale della Formenton, vista dalla Cima Tofana di Dentro. – La Traccia, Escursioni e Montagna. Sentiero con infissi (funi corrimano e brevi scale) che però non snaturano la continuità del percorso EE – itinerario per Escursionisti Esperti. Riprova. Sentiero Turistico Tempo per il sentiero ferrato: Ore 1:15 ca. Itinerario: come da relazione con rientro dal Sentiero Attrezzato Olivieri senza raggiungere la Tofana di Mezzo. Die Hütte. Data: 4-8-2018 ), a gestione familiare, situato in Vallon di Tofana e raggiungibile sia in automobile, tramite la SS 48, sia a piedi, attraverso il sentiero 421 o in alternativa dalla località Pocòl. Si prosegue salendo al crestone N da seguire lungo il filo e poi per traccia fra ghiaie sul versante verso Cortina fino all'ometto di vetta. Dopo aver superato il rifugio Pomedes, un po 'più di salita ci porta all'inizio della ferrata di Punta Anna, una delle più spettacolari che abbiamo mai fatto. Parcheggio/i: si 1° Discesa per il ghiaione del Bus de Tofana: raggiunto il sentiero 403 si scende fino al rif. Segnavia: Traccia poi  CAI ( Chiudi sessione /  Escursione nella zona di , Veneto, Italia; il percorso è lungo 6.2km e presenta 1192m di dislivello. Dibona 2037 m.s.l.m Rif.Ra valles 2470 Quota da raggiungere: Cima Tofana di Mezzo 3244 m.s.l.m Dislivello: 1207 + 270… Partendo dal Rifugio Dibona, attraversiamo il sentiero Astaldi per non fare lo stesso viaggio che faremo per la discesa. Usata per sparare verso la Val Travenanzes, la si raggiunge attraverso il sentiero Ra Zestes. Con la funivia al Col Drusciè e da qui, in circa 20 minuti,  a Pié Tofana. Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento: Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Poi saliamo sempre per traccia il sentiero fino al bellissimo laghetto glaciale e all’Abisso della Tofana, un grande buco nella roccia dove periodicamente l’acqua del laghetto viene inghiottita. Informarsi bene sulle date di apertura della funivia “Freccia nel cielo” e delle seggiovie di Tofana. È ora di saldarlo. Da qui proseguiamo in cengia, bellissima, esigua e a strapiombo sulla Val Travenanzes  dove le vertigini di Paola vengono messe alla prova, ma questa volta ce la fa abbastanza tranquillamente. Andare in certi posti è molto soggettivo ed oggettivamente (scusa il gioco di parole) io non ti conosco benché tu mi dica che già fai qualche camminata, quindi non posso consigliarti dove andare. La cima e’ nostra. La salita alla cima della Rozes, se fatta in condizioni meteo ottimali, non presenta difficoltà di rilievo. Ra Vales e quindi sentiero 407 fino al punto di partenza. I sentieri EEA si suddividono in: ( Chiudi sessione /  A Fiames per Cengia Paolina e Valon de Ra Ola: difficile, per esperti. Proseguendo per il sentiero CAI 401-402 in leggera discesa si raggiunge la Forcella Col dei Bos (2.331m). Creato da www.youtube.com . Corrisponde generalmente a un itinerario di traversata nella montagna medio alta e può presentare dei tratti attrezzati. 4,5 ore Dislivello in salita: 320 m Dislivello in discesa: 1.040 m Tempo d'accesso: ca. Partendo dallo storico Rifugio Dibona, risaliremo l’ampia carrareccia che porta alla sella ove sorge il Rifugio Giussani. Il Sentiero Olivieri è un facile percorso attrezzato che permette il collegamento tra il Rifugio Pomedes (2303 m) ed il rifugio Ra Valles (2470 m). Via ferrata o attrezzata* Poco prima della teleferica, che lasciamo alla nostra destra, si abbandona la stradina per imboccare il sentiero 442, seguendo le indicazioni per la Grotta di Tofana e via ferrata Lipella. Cima Tofana: la terza cima più alta delle Dolomiti. (E.E.) La salita alla Tofana di Rozes per la sua via normale, offre agli escursionisti più ambiziosi di raggiungere una vetta dolomitica di oltre 3000 metri senza l’uso di attrezzature tecniche ma solo confidando nella loro preparazione fisica. I nuovissimi Sci Scott Superguide Freetour sono il sacro graal... Rinvii ergonomici e robusti per arrampicata sportiva.... Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com. Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna disponibili per questa cima: ... Come per la salita o traversando alla Tofana di Mezzo per via ferrata facile ma in alcuni tratti esposta, poi in funivia al Rif. Da qui, prima per il sentiero CAI 402 e poi per i sentieri CAI 412-403 si scende fino al Rifugio Dibona (2.037 m) ove si pernotta. Il percorso può essere intrapreso in senso inverso, oppure abbinato come via di rientro dalla ferrata Punta Anna, qualora invece di scendere al Rifugio Giussani si decidesse di salire ancora un po’ e scendere poi in direzione Ra Valles > Sentiero Olivieri > Pomedes. Grazie ad un sistema di cenge e terrazze, interrotte da un paio di salti rocciosi facilmente superabili grazie a due scalette metalliche, in circa un’ora si arriva al termine del sentiero attrezzato, sulle ghiaie sottostanti l’imponente parete est della Tofana di Mezzo, in prossimità degli impianti sciistici sulle piste di Ra Valles. Il sentiero incide i ghiaioni sottostanti i torrioni di Pomedes e sale dolcemente in direzione nord, nord-est, fin sotto le rocce, dove ha inizio il Sentiero ferrato Olivieri. Quando mi riprendo, con grandi inspiri e forza di volontà perché non voglio mollare, raggiungo Paola a metà del ghiaione e insieme raggiungiamo Forcella Vallon dove Gino è già arrivato da una buona mezz’ora, ma lui è un camoscio… – (E) Sentiero privo di difficoltà tecniche che corrisponde in gran parte a mulattiere realizzate per scopi agro – silvo – pastorali, militari o a sentieri di accesso a rifugi o di collegamento fra valli vicine (nella scala di difficoltà C.A.I. Tipologia sentiero: Escursionisti Esperti Proseguendo in direzione nord e seguendo l'indicazione Tofana si passa per la Ferrata Olivieri. Richiede adeguata preparazione ed attrezzatura quale casco, imbrago e dissipatore E.E.A – itinerario per escursionisti esperti con attrezzatura. Nota: * i tempi di percorrenza e le difficoltà sono in base alla propria preparazione psico-fisica e tecnico pratica, conoscenza del ambiente alpino, di progressione, movimento in ambiente alpino capacità di orientamento. Al Rifugio Ra Valles attraverso il Bus de Tofana: media difficoltà, per sentiero segnato ma senza numero. Note: Per la discesa per la Val Padeon attenzione all’ultimo tratto a non scivolare su un piccolo sentiero su ghiaione (bisogna avere assolutamente passo sicuro e fermo). Saliamo verso l’ex rifugio Cantore per un’ ora abbondante  e in vista del rifugio Giussani (che non raggiungiamo) svoltiamo a destra su per un verticale, tostissimo ghiaione, dove arranchiamo con enorme fatica (anche questa volta le mie condizioni fisiche non sono buone: sto male e mi gira la testa, ho lo stomaco sotto sopra, forse il viaggio…). Il Sentiero Olivieri offre una vista magnifica su Cortina e sulla valle d’Ampezzo, e merita sicuramente d’essere percorso. L’ultimo sforzo, una breve arrampicata per facile roccette  e alle 11.50 tocchiamo la cima della Tofana di Mezzo… che grandissima soddisfazione arrivare alla croce sulla sommità! Grotta della mitragliatrice e Baracca degli Alpini Scendendo da Cima Tofana lungo la ferrata Tofana di Dentro si incontrano la grotta utilizzata per le mitragliatrici attraverso la quale si può riconoscere la Val Travenanzes e il bivacco Baracca degli Alpini (2922 m) incastonato fra le rocce. Evviva gli spiriti liberi. Acqua, sorgenti: no Questa ferrata comprende alcuni passaggi molto esposti e alquanto impegnativi. Mi affaccio sull’orlo di un canalone ghiaioso e per chiudere in bellezza la magnifica giornata chiedo a Gino “sarà morbido?” Gino mi guarda e dice di no, io ribatto “là in mezzo… forse!” Lui mi dice “vado a vedere” e si lancia nel ghiaione dove dopo pochi secondi lo seguo… ora chi piano giù per sentiero, chi veloce giù per ghiaione scendiamo fino al Rifugio Dibona per le ultime, meritate birre. Il giro per eccellenza da fare nel gruppo del Lagorai è raggiungere il rifugio Ottone Brentari a cima D’Asta situato ai piedi dell’omonima cima, vetta che con i suoi 2847 metri è la più alta di tutto il gruppo. Paola è davanti a me, per un po’ è riuscita a tallonare Gino, ma poi lui si distanzia inesorabilmente, facendo la traccia sull’infida ghiaia su cui calchiamo due passi avanti e scivoliamo un passo indietro. Per la discesa dalla Tofana di Mezzo normalmente si utilizza la funivia “Freccia del Cielo” (raggiungibile in circa 15 minuti dalla cima su facile e comodo sentiero) che con 2 tronconi porta al Col Drusciè, da dove con 15/20 minuti di cammino si rientra al parcheggio di Pietofana. il rifugio Angelo Dibona (2.083 m s.l.m. Continuare lungo il sentiero sino a raggiungere un'ulteriore biforcazione: prendere il sentiero in salita e raggiungere l'attacco della ferrata e il successivo ingresso alla galleria del Castelletto (visibili in alto delle vecchie scale in legno). Dopo le foto di rito noi scendiamo al rifugio sottostante dove ammiriamo il panorama dal terrazzo e ci scoliamo tre birre (una a testa) prima di prendere la funivia e scendere a Ra Valles, per poi risalire per un bel pezzetto fino all’imbocco del sentiero attrezzato Olivieri, nulla di difficile tranne alcune scale, percorrerlo e arrivare al Rifugio Pomedes con un’altra terrazza panoramica sulle Dolomiti e l’Ampezzano. Fino a qui circa 30 minuti. In breve ci addentriamo nel vallone che divide la Tofana di Mezzo dalla Tofana di Rozes seguendo le indicazioni per il Rifugio Giussani (2580 m). Difficoltà: Alta. Poi per ghieie e roccia rotta si prosegue in cresta. Ore 2.30 circa. Alla verticale parete Sud di questo enorme e straordinario monolite, si oppone infatti un versante con pendii più moderati sui quali si snoda il sentiero della via normale alla cima della Tofana. Dal rifugio Giussani partono moltissimi altri sentieri, diverse ferrate e anche la via normale per raggiungere la cima della Tofana di Rozes. Per la discesa dalla Tofana di Mezzo normalmente si utilizza la funivia “Freccia del Cielo” (raggiungibile in circa 15 minuti dalla cima su facile e comodo sentiero) che con 2 tronconi porta al Col Drusciè, da dove con 15/20 minuti di cammino si rientra al parcheggio di Pietofana. Dopo circa 50 m prendere un evidente sentiero sulla sinistra (nord). Difficoltà*: EE- A-D Cortina d'Ampezzo ⇒ inizio: canalone Tofana e Buso ~ fine: cima Tofana di Mezzo dopo 'Punta Anna' la salita è varia, canalone ghiaioso molto ripido, neve e ghiaccio oltre il 'Bus' nel versante nord, discesa per il 'Bus' e il canalone al Giussani [A][Y] sentiero alpinistico …