Rimini (1978) segna l'inizio della lunga collaborazione con il quasi esordiente cantautore veronese Massimo Bubola. Notable alternative versions include "Por ti volaré", a Spanish version with significantly modified lyrics. "No, quello è un disco polveroso, barocco, e non dimentichiamoci che sotto il Barocco c'era il peso della Controriforma..."[92]». Bernardini, nel 1974, gli aveva fatto continue proposte, fino ad arrivare all'offerta di 60.000.000 di lire, davvero principesca per l'epoca. Fabrizio De André nasce il 18 febbraio 1940 nel quartiere genovese di Pegli, in via De Nicolay 12, dove, nel 2001, è stata posta una targa commemorativa dal Comune di Genova.. [4], Music & Media wrote about the song: "The Benelux triumph of poppy tenor Andrea Bocelli continues with this excellent seasonal anthem, which wisely leaves the singers classically trained voice in the spotlight. Non credo di essere l'unico, anche Dylan s'è fatto aiutare, [...] e gliene sono grato perché mi dà una giustificazione. Abbiamo scritto insieme il Cantico dei Drogati, che per me, che ero totalmente dipendente dall'alcool, ebbe un valore liberatorio, catartico. A partire dal 1974, De André comincia nuove collaborazioni con altri musicisti e cantautori e a esplorare la produzione musicale degli autori americani, accanto a quelli francesi. L'esperienza del sequestro si aggiunge al già consolidato contatto con la realtà e con la vita della gente sarda, e diventa ispirazione per la realizzazione di diverse canzoni, scritte ancora con Bubola e raccolte in un album senza titolo, pubblicato nel 1981, comunemente conosciuto come L'indiano dall'immagine di copertina che raffigura un nativo americano. Nel 1972 la Produttori Associati, senza consultare minimamente l'artista, lo iscrive al Festivalbar con il brano Un chimico (pubblicato su 45 giri): De André apprende la notizia dai giornali e convoca una conferenza stampa in cui dichiara che «La casa discografica mi ha trattato come un ortaggio»[99]. [Intro] Am / [Verse 1] Am Dm G C Era partito per fare la guerra, Dm Am F E per dare il suo aiuto alla sua terra. [152][153], Nonostante la malattia, continua a lavorare con il poeta e cantante Oliviero Malaspina al disco di Notturni, progetto che però non vede mai la luce. Dimpués de perder o primer partito, os carolos ganan en o segundo partito por bells puntos, clasificando-se ta a final d'o campionato por quarta anyada seguita. Delle canzoni del disco, solo Verranno a chiederti del nostro amore[107] rimane nel repertorio dell'autore dal vivo negli anni a seguire[108]. Nel primo è stato accompagnato da due musicisti dei New Trolls e due dei Nuova Idea e nel secondo dalla Premiata Forneria Marconi (che curò tutti i nuovi arrangiamenti dei brani). [Verse 3] E B A E Quello che non ho è un orologio avanti B A E per correre più in fretta e avervi più distanti C#m B A quello che non ho è un treno arrugginito E B C B che mi riporti indietro da dove son partito. Qui conosce l'amica e coetanea Nina Manfieri, un'amicizia mai dimenticata e narrata nella canzone "Ho Visto Nina Volare" contenuta nell'album "Anime Salve". Era libertario e antigiustizialista: cosa c'entra De André con Saviano? Il giorno dopo, a evitarmi un treno per Genova con una maglietta vomitata mi regalò una sua camicia[93]".». A distanza di anni, De André continuerà a considerare questo disco la sua incisione migliore: «"Te la sentiresti di dire quale dei tuoi dischi è il migliore?" • Le parole e le cose², Fabrizio De André – Sito ufficiale – Intitolazioni, Una targa del Comune a Pegli sulla casa natale di De André. Lou Tapage canta De André. This page was last edited on 7 December 2020, at 04:37. Il valore musicale del disco verrà riconosciuto compiutamente, da gran parte della critica, solo negli anni '90. De André mette dunque da parte le sue paure da palcoscenico, paure che supererà solo con gli anni, suonando e cantando sempre nella penombra e con molto whisky in corpo (la sua timidezza fu tra le cause che gli provocarono la seria dipendenza da alcol di cui soffrì a lungo).[118]. Quest'album fa intravedere un De André esploratore di una musicalità più distesa, spesso di ispirazione ancora più marcatamente americana. In questo periodo De André comincerà ad avere problemi legati all'abuso di alcool[50]. Alla fine il cantautore getta via la chitarra e non tiene il concerto (i biglietti sono poi rimborsati). [22] By February of the following year, the single had broken the all-time sales record in Germany with 1.65 million sales,[24] and would eventually get certified 11x Gold for selling over 2,750,000 copies. Già nel suo primo album Vol. [135] Proprio l'anno del sequestro, comunque, termina la citata sorveglianza dei servizi segreti ai danni di De André.[123]. Vita di Fabrizio De André, Discografia nazionale della canzone italiana, Sito della mostra dedicata a Fabrizio De André al Palazzo Ducale di Genova, Fabrizio De Andre' - biografia, recensioni, discografia, foto :: OndaRock, Sequestro di Fabrizio De André e Dori Ghezzi, Basilica di Santa Maria Assunta di Carignano, Carlo Martello ritorna dalla battaglia di Poitiers, 25-60-38. [151], Dopo un concerto a Roccella Ionica, il 13 agosto del 1998, il tour prevede un'altra tappa a Saint-Vincent, il 24 dello stesso mese. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 3 dic 2020 alle 09:21. Group of the European People's Party (Christian Democrats) Group of the Progressive Alliance of Socialists and Democrats in the European Parliament Renew Europe Group Identity and Democracy Group Group of the Greens/European Free Alliance European Conservatives and Reformists Group Group of the European United Left - Nordic Green Left Non-attached Members Presente è anche l'ormai consueta sonorità etnica (A cumba, in lingua ligure, Disamistade, ma anche Prinçesa e Dolcenera, quest'ultima tra le canzoni più amate e conosciute dal pubblico, tra quelle dell'ultimo periodo[149]).[146]. Ha affrontato inoltre, in misura minore e differente, altri idiomi,[32] come il gallurese[33] e il napoletano. Io credo di essere sempre riuscito a fare meglio i testi che non le musiche. Alle sette canzoni originarie del disco, Pagani aggiunge Mégu Megún, un brano composto insieme a Fabrizio e inserito nell'album Le Nuvole e due pezzi inediti, Quantas Sabedes, che non è inserita in Creuza de mä perché "bruciata" dopo l'inserimento nella colonna sonora di un film ("ammenda fatta", commenta Pagani nei crediti dell'album del 2004), e Nuette, tratto da un frammento di lirica greca, all'epoca mai sviluppato nella sua interezza da De André. [164][165] Sempre prediligendo il formato della ballata,[4] De André ha proposto inizialmente un repertorio di canzoni che fanno prevalentemente leva sulla sola chitarra e pochi contrappunti. Proprio durante le registrazioni di questo disco, nello studio a fianco sta registrando il suo nuovo disco da solista Dori Ghezzi (in una pausa della sua collaborazione con Wess): è l'inizio di una nuova e duratura relazione (artefice del primo incontro sarà un comune amico, Cristiano Malgioglio[115]), che sfocia nel matrimonio tra i due il 7 dicembre 1989, dopo quindici anni di convivenza[103]. Album: Tutto Fabrizio De André (1966) Testo della canzone La Ballata Dell’Eroe di Fabrizio De André Era partito per fare la guerra per dare il suo aiuto alla sua terra gli avevano dato le mostrine e le stelle e il consiglio di vender cara la pelle. All our volunteers work in more or less complete autonomy, held together by our charter, bylaws, and cooperative work with one another. Anche il pubblico accoglie l'album in maniera negativa[105]. Nel 1988 collabora con Ivano Fossati, cantando nella canzone Questi posti davanti al mare (contenuta nell'album La pianta del tè) insieme a Francesco De Gregori e allo stesso Fossati. Direi che in questo senso sono un immanentista, uno spinoziano[189]. Come si può leggere nelle scalette dei concerti delle varie tournée riportate in Franco Zanetti e Claudio Sassi, Recensione: Fabrizio De André - Storia di un Impiegato. [1][2] That version alone has now sold more than 12 million copies worldwide, making it one of the best-selling singles of all time. A due mesi dalla morte del cantautore, nel 1999, viene istituito il premio De Fabula in suo onore, in seguito rinominato in Premio Fabrizio De André, assegnato a chi, nei diversi rami della cultura, sia stato particolarmente capace di diffondere la cultura ligure e specialmente genovese al di fuori della regione stessa. Nel 2005 il cantante Morgan ha pubblicato Non al denaro non all'amore né al cielo, un riadattamento dell'album con nuovi arrangiamenti e alcuni intervalli musicali. 22K likes. "Senza dubbio ti rispondo: La buona novella, è quello più ben scritto, meglio riuscito". A Tutti morimmo a stento segue La buona novella; un album importante, che interpreta il pensiero cristiano alla luce di alcuni vangeli apocrifi (in particolare, come riportato nelle note di copertina, dal Protovangelo di Giacomo e dal Vangelo arabo dell'infanzia), sottolineando l'aspetto umano della figura di Gesù, in forte contrapposizione con la dottrina di sacralità e verità assoluta, che il cantautore sostiene essere inventata dalla Chiesa al solo scopo di esercizio del potere[89]. Ma tutto sommato mi avvicino ancora di più all'animismo: vedo l'anima nei sassi, ancorché siano stati sfiorati da qualche elemento vivo. Qualche mese prima della sua scomparsa, nel concerto al teatro Brancaccio di Roma nel 1998, De André fece le seguenti dichiarazioni riguardo all'album La buona novella[192]: «Quando scrissi La buona novella era il 1969. L'album successivo è, nel 1973, Storia di un impiegato, un concept album in cui Giuseppe Bentivoglio, autore dei testi insieme a De André, racconta la vicenda di un impiegato durante il maggio del '68; il disco, a sfondo fortemente politico e che viene attaccato dalla stampa musicale militante e vicina al movimento studentesco viene recensito, ad esempio, da Simone Dessì (pseudonimo di Luigi Manconi), allora membro di Lotta Continua: «Storia di un impiegato è un disco tremendo: il tentativo, clamorosamente fallito, di dare un contenuto "politico" a un impianto musicale, culturale e linguistico assolutamente tradizionale, privo di qualunque sforzo di rinnovamento e di qualunque ripensamento autocritico: la canzone Il bombarolo è un esempio magistrale di insipienza culturale e politica[101]». Io per esempio mi sono sempre sentito parte di un tutto, un piccolo tassello – certamente non quello centrale – di un progetto universale. Poteva telefonarmi, farmi le sue osservazioni: ne avremmo discusso, ci saremmo confrontati. [16] Sovente, insieme a Paolo Villaggio, cercava invece di sbarcare il lunario con lavori saltuari, anche imbarcandosi, d'estate, sulle navi da crociera come musicista per le feste di bordo[54]. Nel disco suonano, tra gli altri, I Quelli, che nel 1971, dopo l'ingresso di Mauro Pagani, cambiano il nome in Premiata Forneria Marconi. [165][173], «De André non è stato mai di moda. We have built these archives from the ground up through the hard work of volunteers around the world. [30], Di idee anarchiche e pacifiste,[31] è stato anche uno degli artisti che maggiormente hanno valorizzato la lingua ligure[senza fonte]. Breve saggio sulla canzone italiana, Fabrizio De André e PFM. A live version was released on The Harem World Tour: Live from Las Vegas CD as well as her various tour DVDs. Via del Campo, accreditata inizialmente anche per la parte musicale a De André, che la riteneva una melodia anonima del XV secolo, prende la musica dal brano di Enzo Jannacci La mia morosa la va alla fonte (scritto con Dario Fo): Jannacci riconobbe la buona fede di De André, raccontando d'avergli teso uno scherzo presentandogli una musica medievale riarrangiata da lui, e nel 1990 concordò il doppio accredito Jannacci-De André. In più di un'occasione l'artista genovese – ad esempio nel 1992, al teatro Smeraldo di Milano – ha eseguito il brano a luci accese, proprio a simboleggiare come l'omosessualità non debba essere motivo di vergogna. [123], Negli anni successivi, pur non individuando prove di una sua partecipazione attiva a gruppi politici, extraparlamentari o meno, De André viene ritenuto dal SISDE un "simpatizzante delle BR", mentre l'acquisto, insieme alla moglie Dori Ghezzi, di un appezzamento di terreno a Tempio Pausania, viene considerato un tentativo di creare un rifugio per appartenenti ai movimenti extraparlamentari di sinistra.[123]. Al corrente del carattere burrascoso del cantante e poeta francese, non vorrà mai conoscerlo di persona per timore di rimanerne deluso, anche se lo stesso Brassens loderà la qualità delle traduzioni delle sue canzoni effettuate da De André. Col passare del tempo, ha sempre più preso le distanze dalla canzone d'autore francese di Georges Brassens, suo artista di riferimento, dando vita "a un certo nuovo modo di far poesia in canzone".